È TRAVOLGENTE!
Posted by Mariana Scaravilli on Sep 7, 2017

 

D:        Mi sono successe così tante cose negli ultimi mesi e a volte ne sono stato travolto… come faccio ad affrontarle, a farmene una ragione, come faccio a restare saldo di fronte a questa serie incessante di cose che sono accadute? Perché accadono queste cose, e come possiamo farcene una ragione, affinché non appaiano così terribili o insensate? C’è niente che io possa fare?

R:        La risposta è tanto facile quanto dura: sii presente.

Se siamo presenti, le difficoltà rimangono, ma noi non saremo così tanto in loro balia. Ci sarà una distanza tra i problemi e la persona che affronta i problemi.

Ma se non siamo presenti, diventiamo anche noi parte del problema: le nostre difficoltà nell’affrontare le difficoltà aumentano le difficoltà! Questo crea un circolo vizioso dal quale è difficile uscire: spesso per farlo c’è bisogno di uno shock terribile,  ad esempio un qualche tipo di disastro personale.

Così, ci tiriamo fuori dall’incalzare degli eventi che ci trascinano con sé. Come facciamo? Dirigendo l’attenzione. Fondamentalmente, ciò avviene coinvolgendo direttamente il corpo. Questo porta molte ripercussioni, principalmente lievi e cumulative. Il sitting mattutino è la nostra base. Poi, ci adoperiamo per creare un’architettura interiore che dia una struttura alla giornata. Nel tempo, questa cosa va oltre la giornata, verso periodi di tempo più sostanziosi ed estesi. Ma una giornata onorevolmente spesa nel pieno impegno della propria presenza personale è già un risultato considerevole.

Facile a parole!

 

25 Gennaio 2010
Worcestershire, England.

 

ARTICOLO SUCCESSIVO

DISCOVER THE DGM HISTORY
.

1940s
1950s
1960s
1970s
1980s
1990s
2000s
2010s
.