RILASCIO
Posted by Mariana Scaravilli on Sep 8, 2017

 

Caro Crafty,

Molte grazie per l’interesse che dimostri per il lavoro AAD, e sono sempre disponibile quando ne hai bisogno. Mi scrivi:

Il non fare nulla qui, per come lo capisco, diventa più un caso di “consentire” al polso di ritornare. È poi sorto il problema, se si possa dire che questo “consentire” sia, di fatto, il dirigere un riflesso naturale del polso, che sta eseguendo il movimento “per te”, se vogliamo? Qualsiasi successivo rilascio che non sia un inizio, è quindi una conseguenza ulteriore del riflesso.

Questo consentire non è dirigere, è consentire! Nelle tue parole di studente, questo è consentire al polso di eseguire il movimento per noi, mentre teniamo il plettro. Dirigiamo la mano alla corda specifica della chitarra, e poi – la rilasciamo!

Qualcosa del tipo, quando andiamo in bicicletta, e mettiamo attenzione nello spingere giù il pedale. Non pensiamo assolutamente a dirigere il piede nel sollevarsi dopo – il piede che ritorna sembra prendersi cura di sé. L’analogia non è esatta: nell’andare in bicicletta, facciamo uno sforzo nella pedalata in giù; e il pedale che ritorna, condotto dall’altro piede che spinge in giù, solleva il primo piede. Ma il senso di ritorno è molto simile. (Alexander stesso ha imparato ad andare in bicicletta osservando i ciclisti, poi è montato su una bicicletta per la prima volta ed è partito!).

Con il colpo in giù, le parole stesse implicano uno sforzo che, in realtà, non viene fatto: il polso viene rilasciato, e poi ritorna. Il fatto che stiamo tenendo un plettro, che la mano sia posizionata sulla chitarra, è apparentemente irrilevante per la qualità del movimento.

Il mestiere del mestiere è colpo in basso: noi dirigiamo l’azione e facciamo qualcosa. Questo è funzionale.

L’arte del mestiere è rilascio: lo sforzo senza sforzo. Noi non facciamo nulla, e mentre facciamo nulla, una corda viene pizzicata, una nota viene suonata, e poi la mano ritorna dove stava. Questo è qualitativo.

 

Sabato 22 Febbraio 2007

 

ARTICOLO SUCCESSIVO

DISCOVER THE DGM HISTORY
.

1940s
1950s
1960s
1970s
1980s
1990s
2000s
2010s
.