L’ATTO DELLA MUSICA È SOCIALE
Posted by Mariana Scaravilli on Sep 8, 2017

 

I

La musica è innanzitutto un evento sociale. L’atto della musica (o più precisamente musicking) è eterno, unico, si protende indietro dal futuro per attirarci a sé, e si realizza secondo le circostanze di tempo, luogo e persona.

L’atto della musica cambia la vita, e una volta che questo è avvenuto,  c’è la probabilità e la tendenza ad esigere che il musicista nominalmente  responsabile dell’evento-che-cambia- la-vita, vada  avanti  esattamente allo stesso modo di prima.

C’è una reticenza a lasciare che il musicista/i sviluppi/no le proprie variazioni sulla vita e sul vivere, espresse e articolate in nuove forme di musica.

C’è una richiesta, fatta dall’ascoltatore al performer, che passa dalla comunione, a un rapporto determinato dai diritti del consumatore. Questo è anche più evidente quando l’atto della musica è mediato dal commercio.

 

II

L’atto della musica è esperienziale. Le parole non sono l’esperienza. Ciònonostante, cerchiamo di esprimere a parole la nostra esperienza di ciò che per noi ha valore. Questo focalizza la nostra attenzione sull’esperienza e, nel rivisitarla e ricapitolarla, la rimastichiamo e la digeriamo meglio affinché nutra il nostro domani. L’evento continua, e anche la nostra esperienza di esso continua, e diventa più profonda. Così la nostra esperienza, degli eventi che per noi hanno significato, persiste.

 

III

L’atto della musica è prima di tutto sociale.

Allora, come facciamo musica con gli altri? Come facciamo musica con altri musicisti e con il pubblico?

Come facciamo musica con altri musicisti, con il pubblico e persino con la Musica stessa, quando si china verso di noi  e ci prende in confidenza?

La Orchestra Of Crafty Guitarists è una splendida opportunità per lavorare insieme con livelli differenti di esperienza, e rispondere a livelli varabili di sfida.

La League Of Crafty Guitarists è una splendida opportunità per manifestare intenzionalità nel mondo, attraverso il suo scopo primario che è quello di ricercare l’eccellenza nella performance.

 

ARTICOLO SUCCESSIVO

DISCOVER THE DGM HISTORY
.

1940s
1950s
1960s
1970s
1980s
1990s
2000s
2010s
.